Le Unità Valutative Alzheimer: cosa sono e come funzionano

Sono strutture dirette da un geriatra, un neurologo o uno psichiatra. Le prestazioni sono erogate a livello ambulatoriale e prevedono il pagamento del ticket

Le Unità valutative Alzheimer (U.V.A.) sono dei centri ospedalieri specialistici che fanno diagnosi e stabiliscono la gravità di questa malattia. Si occupano  anche del sostegno alle famiglie e assicurano l’erogazione gratuita di farmaci, anche quelli antipsicotici, e servizi dedicati.

Sono strutture dirette da un medico geriatra o da un neurologo o da uno psichiatra. Le prestazioni sono erogate direttamente in ambulatorio e prevedono il pagamento del ticket, che può arrivare fino a 50 euro per i non esenti.

I pazienti vengono mandati al Centro U.V.A. di riferimento dal proprio medico di base, che controllerà anche nel corso della terapia come sta andando il trattamento farmacologico. È possibile scegliere l’U.V.A. che più si ritiene opportuna, anche se in genere si consiglia un rapporto con la struttura di riferimento territoriale, quindi con la Asl del vostro municipio.

Il morbo di Alzheimer è un tipo di demenza senile, che si manifesta in genere dopo i 65 anni. E’ caratterizzato da una progressiva perdita della memoria, difficoltà nel parlare e aggressività.