Doctor Plus, un servizio per rendere l’assistenza più efficiente

Abbiamo parlato con Giuseppe Quintavalle, Dg dell'Asl RM F, che sta implementando, nel suo territorio, il servizio di telesalute dedicato ai diabetici di tipo 2

Per i medici che devono seguire i pazienti diabetici di tipo 2 esiste la possibilità di usufruire dei vantaggi di Doctor Plus, un sistema di cure integrate messo a punto da Vree Health Italia. Il diabete è una malattia dal profilo sfuggente, che spesso provoca danni all’organismo senza dare preventivi segni di sé. Bussola Sanità ha discusso con Giuseppe Quintavalle, Direttore generale dell’Asl Roma F, dei benefici che un maggiore controllo sui parametri fisiologici vengono apportati alle persone portatrici di Diabete di tipo 2. Proprio l'azienda sanitaria locale diretta dal dottor Quintavalle, infatti, sta testando l'efficacia di questo servizio. Nello specifico, il kit di Doctor Plus, comprende: un glucometro per il rilevamento della glicemia, un misuratore della pressione arteriosa e una bilancia pesapersone, oltre alla centrale infermieristica. I dispositivi medici, utilizzati dal paziente in autonomia presso il proprio domicilio, sono in grado di trasmettere ai medici in tempo reale i valori delle misurazioni.

Doctor Plus permette l’ottimizzazione dei servizi.Quando una malattia cronica viene seguita con attenzione, tutto il sistema sanitario ne beneficia, dal momento che una patologia ben controllata porta, tra le altre cose, anche a una riduzione dei costi della sanità, sia diretti che indiretti. “Il nostro territorio – ha spiegato Quintavalle – ospita, anche per cause di origine genetica, un’alta percentuale di persone diabetiche. Questi numeri ci hanno spinto verso l’adozione di sistemi e metodiche, come quella proposta da Vree Health Italia, che possano facilitare non solo l’accesso delle persone ai servizi ma, soprattutto, il loro miglior utilizzo possibile”.

“Il diabete – ha ricordato il direttore generale dell’Asl Roma F – è una patologia che comporta effetti di lunga durata e che impattano anche sull’aspettativa di vita. Le complicazioni possibili, infatti, sono molte e vanno dall’area vascolare a quella neurologica passando per quella dermatologica. Sulla base di questa esigenza abbiamo avviato il progetto Doctor Plus che prevede il coinvolgimento dei medici di famiglia, dei diabetologi e di una centrale operativa infermieristica attiva 12 ore al giorno, dal lunedì al sabato, e che segue i pazienti monitorando i dati ottenuti dai dispositivi medici. Una malattia cronica tenuta sotto controllo, riduce drasticamente le sue ricadute, e i conseguenti ricoveri in ospedale, ottimizzando l’utilizzo dei servizi, e riducendo le spese in modo virtuoso”.

Vantaggi, anche dal punto di vista clinico.Il diabete di tipo 2, in assenza di gravi complicazioni, è una patologia che può essere controllata con efficacia. “Gli 83 pazienti che stiamo seguendo con Doctor Plus – ha aggiunto Quintavalle – potendo sottoporsi ai controlli con la regolarità guidata dagli apparecchi, hanno imparato a conoscere meglio la patologia e le accortezze da prendere per migliorare la qualità della propria vita. Un obiettivo che è possibile raggiungere anche grazie al fatto che le persone che si controllano meglio, migliorano anche in salute, nel breve e nel lungo periodo”.

“Da quando è iniziato il servizio– ha spiegato ancora Quintavalle – la centrale operativa ha effettuato circa 1600 chiamate ai pazienti, in caso i valori inviati fossero fuori norma e gli stessi cittadini hanno chiesto aiuto e consulenza circa 1500 volte. Ciò ha condotto a una verifica più attenta dell’andamento della malattia. Lo abbiamo scoperto anche grazie alla rilevazione dell’emoglobina glicata, un valore del sangue che può essere considerato la ‘scatola nera’ dell’andamento del diabete e che abbiamo registrato in discesa, in tutti i pazienti. Ciò vuol dire che la patologia è stata tenuta sotto controllo ed è stato diminuito il rischio di incorrere in complicazioni”. 

 

@gianlucacasponi

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti su Bussola Sanità seguici su Facebook Twitter o iscriviti alla newsletter usando il box nella colonna di destra