Asl Viterbo, avviato il progetto di gestione integrata del diabete

Grazie a un sistema di condivisione dei dati, i pazienti saranno seguiti da una rete composta da medici di Medicina generale, specialisti e operatori sanitari

La Asl di Viterbo ha messo a punto un piano per la gestione integrata del diabete. Le persone affette da questa patologia cronica, infatti, hanno bisogno di un controllo continuo e di una gestione consapevole della propria malattia. Inoltre, molto spesso la mancanza di uno scambio coordinato di informazione tra i medici rende difficile, per il paziente, l'accesso alle cure.

Per questo motivo la Asl di Viterbo ha promosso questo progetto pilota, che coinvolge 40 medici di medicina generale su tutto il territorio aziendale, che svolgeranno la loro attività in stretta collaborazione con le strutture specialistiche di diabetologia. Grazie a questo progetto, i medici di medicina generale, i diabetologi e gli altri operatori sanitari (infermieri, dietisti, psicologi, podologi, ecc.) collaborano al fine di tutelare la salute del paziente diabetico. Dunque un team multidisciplinare, che definisce obiettivi di cura, programma di visite ed esami di controllo.

In base ad un percorso diagnostico terapeutico assistenziale specifico, ciascun paziente verrà seguito, rispettivamente, dal proprio medico o dallo specialista diabetologo in base al grado di complessità della patologia.

In entrambi i casi, i medici coinvolti scambieranno le informazioni relative al paziente in tempo reale attraverso Quick diabete, un programma in grado di mettere in comunicazione la cartella specialistica diabetologica Mystar connect (software di gestione delle cartelle cliniche), in rete con le diverse cartelle dei medici di medicina generale.

Questo sistema permetterà la condivisione di esami di laboratorio, esami strumentali, indicazioni terapeutiche e molte altre informazioni necessarie alla realizzazione di un percorso integrato che garantisca al paziente un accesso alle cure facilitato e guidato.

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti su Bussola Sanità seguici su Facebook Twitter o iscriviti alla newsletter usando il box nella colonna di destra