Residenze sanitarie assistite, come chiedere l’accesso nell’Asl Roma D

La procedura prevede la valutazione della richiesta da parte degli operatori dei centri di assistenza domiciliare

L’accesso ai servizi delle Residenze sanitarie assistenziali (Rsa) è vincolato alla valutazione della richiesta da parte di un’apposita commissione. I cittadini interessati possono sottoporre il proprio caso, o quello di un congiunto, all’analisi degli operatori dei Centri di assistenza domiciliare (Cad) presenti nella zona di residenza del paziente.

Indispensabile la richiesta del medico di famiglia. La richiesta formale deve partire dal medico di famiglia che deve compilare in tutte le sue parti l’apposito modulo che può essere scaricato e stampato oppure ritirato presso le sedi delle unità valutative territoriali. Il giudizio definitivo spetterà quindi al personale della Asl che dovrà esprimere il parere tecnico sanitario. Qualora questo sia favorevole, il paziente potrà essere inserito nelle liste d’attesa di tutte le Rsa della Regione Lazio.

Questi gli indirizzi e i numeri di telefono delle unità valutative territoriali:

@gianlucacasponi

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti su Bussola Sanità seguici su Facebook Twitter o iscriviti alla newsletter usando il box nella colonna di destra

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter