Aifa: “La pillola del giorno dopo non è abortiva”

L'Agenzia italiana del farmaco ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale la revisione del bugiardino che precisa la natura contraccettiva del Levonogestrel

Arriva dall’Aifa (Agenzia italiana del farmaco) la precisazione sul meccanismo d’azione delle cosiddette “pillole del giorno dopo” contenti il principio attivo Levonorgestrel. L’Agenzia, attraverso una determinazione pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 4 febbraio 2014, ha chiarito che il farmaco non ha effetti abortivi ma unicamente e semplicemente contraccettivi.

Il testo arrivato in gazzetta ha sancito la modifica del “bugiardino” dei prodotti, sostituendo nel testo la dicitura “il farmaco potrebbe anche impedire l’impianto” con “inibisce o ritarda l’ovulazione”. La revisione si è resa necessaria per definire una volta per tutte le modalità di azione di questa molecola. Nella sostanza, l’Aifa ha chiarito che il Levonogestrel che non agisce impedendo all’embrione di attecchire alle pareti dell’utero per iniziare il proprio sviluppo, ma impedisce o rende più difficile l’incontro tra spermatozoi e ovuli, come un qualsiasi altro contraccettivo.

La notizia è stata rilanciata anche dalla Smic (Società medica italiana per la contraccezione) attraverso una dichiarazione del presidente, il ginecologo Emilio Arisi. “Grazie alla determinazione dell’Aifa – ha dichiarato Arisi – cade definitivamente l’appiglio che consentiva ai medici obiettori di coscienza di negare la somministrazione della contraccezione di emergenza. Si colma così un gap noto da anni a tutta la comunità scientifica e si corregge una vecchia scheda tecnica che risale al 2000. Troppe volte alle donne è stato negato il diritto ad accedere alla contraccezione d’emergenza nascondendosi dietro la sua presunta abortività. Un atteggiamento inaccettabile, anche perché chi fa ricorso a questi farmaci vuole evitare di dover incorrere in un aborto, in una interruzione volontaria di gravidanza”.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti su Bussola Sanità seguici su Facebook e Twitter o iscriviti alla newsletter usando il box nella colonna di destra.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter