Guidonia, un contributo economico per i malati di Sla

I fondi servono per supportare l'assistenza familiare dei cittadini affetti da questa patologia

Un contributo economico per aiutare i malati di Sla. È l’iniziativa promossa dal Comune di Guidonia per supportare concretamente i cittadini affetti da Sclerosi laterale amiotrofica. I fondi vanno utilizzati per realizzare interventi di assistenza domiciliare. Questa può essere diretta, cioè prestata da operatori pubblici, indiretta, tramite l’assunzione di professionisti privati, o familiare, fornita, dunque, da un parente individuato dal richiedente.

I contributi vengono erogati in base allo stadio della malattia. Seguono una scala crescente che parte dai 300 euro versati in caso di deficit moderato, corrispondente al primo stadio della patologia, ai 2000 euro del deficit completo. I fondi vengono stanziati con cadenza trimestrale, per un anno a partire dalla data di assegnazione. L’obiettivo del progetto, finanziato dalla Regione Lazio, è facilitare e supportare la permanenza del paziente nel proprio contesto familiare.

I cittadini affetti da Sla potranno presentare la domanda sul modello reperibile sul sito istituzionale del Comune e su quello del Distretto RMG2. Per chi non potesse scaricare il modulo su Internet, si può compilare presso il segretariato sociale, al Comune di Guidonia Montecelio, in via Numa Pompilio 37. Gli uffici sono aperti il martedì e il giovedì dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 17:00. Al modello, vanno allegate li certificazione che attestano la diagnosi e lo stadio della malattia, oltre a un documento di identità valido. 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola SanitÓ

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter