De' Lellis, attivo un servizio psico-oncologico a distanza

Il servizio, dedicato a pazienti e familiari, è attivo su prenotazione e sarà erogato a distanza attraverso un numero di telefono e una mail dedicata

Un servizio di supporto psico-oncologico a distanza per i pazienti dell’Ospedale, che potranno così direttamente da casa ricevere aiuto sulle diverse problematiche che si presentano durante tutto il percorso di malattia. Al de’ Lellis di Rieti, il nuovo servizio attivo presso i reparti di Oncologia Medica e Radioterapia oncologica intende garantire continuità ai percorsi di supporto psicologico specialistico, più che mai fondamentale in questo difficile periodo di emergenza sanitaria, senza che il paziente debba recarsi nella struttura ospedaliera.  

 

IL SERVIZIO PSICO-ONCOLOGICO

Dedicato a pazienti e familiari, il servizio è attivo su prenotazione:

  • al numero telefonico 328 7979582 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 14

  • inviando un messaggio di testo al numero 328 7979582 e indicando nome e cognome della persona che richiede l’intervento psicologico

  • inviando una richiesta tramite email all’indirizzo c.tursini@asl.rieti.it 

Per qualunque ulteriore informazione sul servizio psico-oncologico a distanza, è possibile contattare la psico-oncologa dottoressa Chiara Tursini al numero 328 7979582.  

 

UMANIZZAZIONE DEI PERCORSI DI CURA

Il servizio rappresenta un importante strumento per:

- migliorare l’aderenza ai trattamenti proposti

- potenziare le risorse della persona 

- promuovere un migliore adattamento nei confronti della malattia

 

L’assistenza psicologica offerta ai malati oncologici è finalizzata a una maggiore umanizzazione dei percorsi di cura, mettendo sempre la persona al centro di ogni trattamento. 

L’attivazione del servizio a distanza consente ai pazienti oncologici e ai loro familiari di entrare in contatto in totale sicurezza con gli specialisti, i quali offrono un supporto per affrontare la situazione emotiva legata alla malattia. In un periodo caratterizzato dall’incertezza per l’evolversi della pandemia e da restrizioni e limitazioni alle normali attività della vita quotidiana, il servizio di supporto psico-oncologico appena attivato al de’ Lellis di Rieti riveste un’importanza ancora maggiore. 

La dimensione psicologica e relazionale correlata alla malattia oncologica non è solo centrale nel determinare il livello di stress emozionale dei pazienti, ma influisce in maniera significativa sulla capacità di affrontare la malattia, sui sintomi fisici e sui trattamenti associati. 

 

Nell’ottica di potenziare l’umanizzazione delle cure, inoltre, la Asl di Rieti ha avviato nella Comunità Terapeutica Riabilitativa ‘La Villa’ un progetto volto a migliorare l’accoglienza e la qualità di vita degli ospiti: grazie a una donazione effettuata dalla Fondazione Varrone, coloro che vivono nella struttura residenziali e frequentano il centro diurno da alcuni giorni possono godere di nuovi divani e poltrone dove trascorrere comodamente qualche ora insieme al personale sociosanitario del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche aziendale. Tutti i pazienti sono seguiti da un’équipe multidisciplinare, secondo una modalità di approccio bio-psico-sociale volto a garantire il processo di "Recovery". 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter