Al de' Lellis attivo il rooming-in, mamma e bambino insieme da subito

Il servizio del "rooming-in" supera il concetto tradizionale del "nido": mamma e bambino possono stare insieme da subito dopo il parto,
giorno e notte

Rooming-in: stare in stanza insieme. È il servizio che consente alla neomamma e al bebè di stare insieme fin dalle prime ore successive al parto e da lunedì 18 gennaio sarà disponibile presso il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale de’ Lellis di Rieti diretto dal dottor Vincenzo Spina.

 

I VANTAGGI

Il rooming-in intende agevolare l’instaurarsi del legame tra mamma e neonato e, qualora le condizioni lo permettano, le mamme potranno tenere il bambino in camera, favorendo l'allattamento al seno e l'attaccamento precoce.  

La mamma e il bambino così hanno modo di “conoscersi” già in ospedale e trascorrere subito dopo la nascita del tempo insieme; si favorisce il contatto pelle a pelle, che crea le condizioni migliori per l’avvio dell’allattamento naturale e influisce positivamente sull’interazione tra madre e figlio/a.

Durante le visite in gravidanza presso gli ambulatori della Asl di Rieti, in occasione dei corsi di accompagnamento alla nascita e al momento del ricovero, tutte le mamme verranno informate dal personale medico, infermieristico e ostetrico in merito all'organizzazione del rooming-in e dei suoi vantaggi. 

 

DAL NIDO AL ROOMING-IN

Il servizio di “rooming-in” supera il concetto tradizionale del “nido” perché consente alla mamma e al bambino di stare insieme da subito, giorno e notte. In precedenza, subito dopo il parto, i bambini venivano portati nelle nursery ospedaliere e assistiti dalle puericultrici. 

Il “rooming-in” è una pratica che incentiva la stretta vicinanza del nascituro alla sua mamma. Nelle prime ore dopo la nascita è infatti importante che madre e neonato stiano a stretto contatto, per prolungare il legame speciale che si è creato durante la gestazione. La mamma potrà comunque scegliere, in qualsiasi momento, di far portare il bimbo alla nursery, se desidera riposare un po'. 

 

VICINI ALLE MAMME

Il personale sanitario resta sempre a disposizione. Le mamme, infatti, saranno supportate nelle pratiche dell’allattamento e dell’igiene del neonato da un'équipe composta da un’ostetrica e un’infermiera della Neonatologia o una puericultrice senza che le donne debbano richiederlo. 

Tale organizzazione è frutto di una collaborazione sinergica, armonica e fattiva da parte del personale ostetrico e infermieristico/puericultrici del nido, che si basa sull'adozione di comportamenti accoglienti, improntati all’umanizzazione delle cure e alla massima cordialità e gentilezza nel rispondere ai bisogni delle mamme

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter