De' Lellis, intervento in laparoscopia su un paziente affetto da triplice tumore al fegato

All'Ospedale de' Lellis di Rieti eccezionale intervento su un paziente 65enne, effettuato con la tecnica minivasiva della laparoscopia

Tecnica mininvasiva e approccio innovativo hanno permesso di eseguire con successo, attraverso strumenti di precisione, un eccezionale intervento di chirurgia epatica laparoscopica al de’ Lellis di Rieti.

L’équipe di Chirurgia, diretta dal professor Giuseppe Maria Ettorre, ha realizzato con successo, un intervento chirurgico su un paziente di 65 anni affetto da un triplice tumore al fegato. Prima dell’intervento, il paziente era stato sottoposto a trattamento chemioterapico preoperatorio nel reparto di Oncologica Medica.

 

L’INTERVENTO

L’intervento è stato possibile grazie alla collaborazione tra il reparto di Chirurgia diretto dal dottor Michele Paolocci e il professor Giuseppe Maria Ettorre, Direttore del Centro Trapianti dell’Azienda San Camillo-Forlanini di Roma, il reparto di Oncologia Medica e il reparto di Anestesia e Rianimazione del nosocomio reatino.

L’efficienza e la preparazione del personale anestesiologico e del personale infermieristico di sala operatoria e di reparto hanno assicurato la riuscita dell’intervento chirurgico.

 

CHIRURGIA EPATICA LAPAROSCOPICA

La tecnica laparoscopica applicata alla chirurgia del fegato è una delle ultime innovazioni in campo chirurgico addominale. Una moderna sonda laparoscopica ecografia ha consentito di individuare le lesioni durante il delicato intervento eseguito a Rieti.

In ambito oncologico, la laparoscopia consente di trattare le neoplasie, in alternativa alla chirurgia tradizionale, con efficacia e sicurezza. Tale tecnica innovativa assicura ai pazienti numerosi vantaggi.

La procedura in laparoscopia, mininvasiva e all’avanguardia nel caso di interventi per il tumore al fegato, offre al paziente un decorso postoperatorio più rapido e meno doloroso, nonché l’opportunità di una più  rapida ripresa delle comuni attività svolte.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter