Asl di Rieti in Cifre, percorsi assistenziali nella gestione delle emergenze

Le strutture d'emergenza: attività e servizi della Asl di Rieti al centro dell'intervento del dott. Flavio Mancini, Direttore del Dipartimento di Emergenza e Accettazione

L’accessibilità delle prestazioni, le innovazioni tecnologiche, la personalizzazione e umanizzazione degli interventi sono stati tra i temi presentati nel corso dell’evento “L’Azienda in Cifre”, giornata di studio che si è svolta il 25 luglio presso l’Aula Magna della Asl di Rieti in via del Terminillo, dedicata alle attività di tutela della salute dell’Azienda Sanitaria reatina.

Il Direttore dell'Unità di Medicina e Chirurgia di Accettazione e d'Urgenza dell'Ospedale de' Lellis di Rieti, dottor Flavio Mancini, è intervenuto per parlare di cosa ha fatto l’Azienda Sanitaria Locale di Rieti  in riferimento ai servizi e alle attività del Dipartimento di Emergenza e Accettazione (DEA). Durante la giornata, sono stati presentati i dati dei primi due anni di mandato del Direttore Generale della Asl di Rieti, Marinella D’Innocenzo.

 

COSA HA FATTO L’AZIENDA: DIPARTIMENTO EMERGENZA E ACCETTAZIONE

Nell’ultimo biennio, all’interno dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione sono stati introdotti e potenziati i seguenti servizi:

  • riorganizzazione della pre-ospedalizzazione;

  • razionalizzazione dei percorsi al fine di aumentare l’attività chirurgica;

  • nuove check list di arruolamento dei pazienti;

  • partoanalgesia h 24: procedure per la riduzione delle infezioni operatorie e Recovery Room per ricoveri appropriati in rianimazione;

  • riattivazione delle Sale Operatorie nella Casa della Salute di Magliano Sabina.

 

Nell’Unità Operativa Complessa di Cardiologia – UTIC ed Emodinamica, i posti letto UTIC sono aumentati da 4 a 6. La telemedicina consente il controllo remoto di pace-maker e defibrillatori e, inoltre, sono attivi Ambulatori dedicati di Emodinamica, Aritmie, Scompenso cardiaco.

La struttura di Neurologia - Unità di trattamento Neurovascolare (UTN) - Stroke Unit può contare su sistemi all’avanguardia:

  • potenziamento tecnologico della diagnostica neurofisiologica;

  • certificazione ESO per la Stroke Unit: è in fase di acquisizione un sistema di neuromonitoraggio per dimissioni precoci;

  • partecipazione a reti e progetti di ricerca internazionali: Registro Italiano Sclerosi Multipla, Registro SITS-MOST per l’ictus, Registro SLA, ecc.

 

Per quanto riguarda il Pronto Soccorso, che afferisce alla Medicina e Chirurgia di Accettazione e d’Urgenza del de’ Lellis, negli ultimi due anni si è proceduto all’attivazione di servizi e percorsi quali:

  • Fast Track” pediatrico

  • OBI - Osservazione Breve Intensiva pediatrica;

  • Holding Area

 

La personalizzazione e l’umanizzazione degli interventi è al centro dei percorsi assistenziali. Ne è un esempio l’introduzione dell’App “Ti Tengo Informato”, un filo diretto tra il Pronto Soccorso e l’utenza. “La Asl di Rieti è orgogliosa di essere la prima su tutto il territorio nazionale a fornire questo servizio che permette di tenere in contatto chi sta male con chi accompagna. Umanizzare significa anche comunicare”, ha sottolineato il dott. Mancini.

Oltre all’aggiornamento in tempo reale del percorso del paziente, al Pronto Soccorso del de’ Lellis sono stati attivati anche progetti di Servizio Civile per i giovani e come ha evidenziato il Direttore del DEA, presto sarà introdotta la figura di un medico senior per la gestione dei conflitti.


PIÙ PRESTAZIONI EROGATE PER ABBATTERE LE LISTE D’ATTESA

L’attività ambulatoriale della cardiologia – citata dal Direttore Generale D’Innocenzo nella presentazione dei dati sull’aumento delle prestazioni erogate negli ultimi due anni – ha fatto registrare numeri importanti, in un’ottica di trasparenza e abbattimento delle liste d’attesa per visite specialistiche ed esami diagnostici.

Nell’ambito del progetto regionale DCA 110/2017, sono state effettuate 6796 prestazioni in più, tra cui:

- 1.258 persone in più hanno fatto un ecocardiogramma

- 575 persone in più hanno eseguito il test da sforzo

- 1.686 persone hanno svolto visite cardiologiche + ECG

- 46 persone in più hanno eseguito l’holter cardiaco

- 621 persone in più si sono sottoposte al doppler

 

A confermare il successo dell’abbattimento delle liste d’attesa, ci sono i dati anche delle prestazioni in altre aree specialistiche. Sono state eseguite, infatti, 1927 ulteriori ecografie, 181 maggiori visite endocrinologiche, 339 visite pneumologiche e spirometrie, 163 ulteriori colonscopie.  

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter