Rieti, insegnanti e personale ATA formati dalla Asl per somministrare farmaci nelle scuole

Il progetto rappresenta un "modello di buone prassi" condiviso con altri ambiti territoriali, anche nazionali, per dare una risposta concreta ai ragazzi affetti da patologie croniche

Da ottobre 2018 ad oggi, oltre 1.000 tra insegnanti e personale ATA sono stati formati dagli specialisti della Asl di Rieti per la somministrazione di farmaci salvavita in ambito orario scolastico negli Istituti della Provincia di Rieti.

Il progetto intende dare una risposta concreta ai bisogni di salute degli studenti affetti da patologie croniche, con l’ausilio del personale scolastico, formato per intervenire in maniera tempestiva ed appropriata nella gestione di possibili situazioni di emergenza.

Dal mese di aprile sono previste nuove tematiche di formazione per ulteriori patologie.

 

IL PROGETTO

La formazione di un migliaio di insegnanti e personale ATA delle scuole del reatino si inserisce nell’ambito di un’intesa interistituzionale sottoscritta nel settembre 2018, attraverso uno specifico Protocollo, dal Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria Locale di Rieti, Marinella D’Innocenzo e dal Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, Giovanni Lorenzini.

Sono state già raggiunte 19 Istituzioni Scolastiche di Rieti e Provincia e, attualmente, sono in atto corsi di formazione riguardanti:

  • Patologia Allergica

  • Epilessia

  • Diabete e Iperinsulinismo

 

Il personale scolastico sta ricevendo una specifica formazione per rispondere in modo concreto ai bisogni di salute dei bambini e dei ragazzi che soffrono di particolari patologie croniche. Inoltre, il trasferimento di competenze contribuisce alla giusta informazione sui principali aspetti clinici ed operativi necessari ad una corretta ed efficace gestione di situazioni di emergenza prevedibili in merito a ciascuna patologia.

Lo staff specialistico della Asl di Rieti si occupa di illustrare gli strumenti operativi necessari alla custodia ed alla tutela della salute degli studenti minori.

La formazione si avvale del contributo del dottor Maurizio Pizzoli – Pediatra Allergologo e del dottor Mario Di Napoli – Neurologo, della dottoressa Anna Rita Aleandri – Diabetologa e della dottoressa Francesca Lunari – Infermiera "Care Manager".

Positivo il riscontro del personale medico e sanitario specializzato in merito alle prevedibili situazioni di emergenza, descritte in sede di formazione e messe in pratica dal personale formato.

 

“BUONA PRASSI” DEGLI INCONTRI FORMATIVI

In ogni Istituto Scolastico, dove sono presenti alunni affetti da patologia cronica, viene stilato un Piano Terapeutico Individuale.

Il Piano è preceduto dalla trasmissione, al Dirigente Scolastico, della documentazione clinica redatta dal Medico di Medicina Generale o dal Pediatra di Libera Scelta, che le famiglie degli alunni inviano con tutte le informazioni necessarie alla corretta somministrazione del farmaco.

In attuazione del Protocollo d’Intesa, a seguito della formazione, nelle scuole si costituisce un Gruppo di Coordinamento composto dalle figure interessate alla piena presa in carico dell’alunno (Famiglia,  Scuola, ASL, Ente Locale) per stilare il Piano Operativo di Intervento in caso di terapia ordinaria e/o terapia in emergenza prevedibile.

L’Ufficio Scolastico Provinciale di Rieti, nella persona della professoressa Claudia D’Ambrosio, ha illustrato presso le proprie sedi istituzionali regionali competenti (GLIR) la “Buona Prassi” in corso – già in uso a livello non solo provinciale ma anche regionale e nazionale – provvedendo a condividerla con altri Ambiti Territoriali. I risultati raggiunti finora nel percorso per la gestione delle patologie croniche in ambiente scolastico sono molto soddisfacenti.

A partire dal mese di aprile, le tematiche di formazione saranno estese ad altre patologie croniche diffuse sul territorio:

  • Autismo

  • Disturbi Specifici di Apprendimento

  • Iperattività

 

Inoltre, verranno strutturati percorsi di ‘empowerment’ per gli alunni delle scuole della Provincia di Rieti.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter