Estate 2013, dall’Aifa i consigli per una salute più sicura

Non solo per anziani e bambini, tante le precauzioni contro il caldo e l'umidità dall'Agenzia italiana del farmaco: corretta alimentazione e comportamenti sani

Dall’Aifa, l’Agenzia italiana del Farmaco, arrivano alcuni consigli e precauzioni da adottare durante la stagione estiva per evitare comportamenti rischiosi per la propria salute. L’esposizione ai raggi del sole, l’alto grado di umidità e l’escursione termica tra ambienti interni ed esterni possono infatti creare seri problemi, soprattutto in alcune categorie di soggetti, come gli anziani, le persone che assumo regolarmente farmaci, quelle non autosufficienti, i bambini e chi svolge attività fisica o lavori all’aria aperta particolarmente intensi.

Ma attenzione anche a coloro che presentano malattie croniche, come il diabete e le altre malattie endocrine, demenza ed Alzheimer, disturbi mentali e comportamentali causati dall’uso di sostanze psicoattive o alcolismo, malattie cardiovascolari e ipertensione, malattie del sistema respiratorio e di quello renale.

Per prima cosa è importante, secondo l’Aifa, mantenere una corretta alimentazione. Quindi, bisogna preferire pasti leggeri e nutrienti, che possano garantire il giusto apporto di acqua, vitimine e sali minerali, limitare quindi gli insaccati, i cibi molto grassi e le fritture, e moderare il consumo di di alcolici. È consigliato mangiare del pesce fresco, meglio se azzurro, e pasta e riso.

Anche il luogo in cui si vive deve essere il più fresco possibile. È preferibile, quindi, durante il giorno chiudere le finestre e le persiane, soprattutto degli ambienti più esposti al sole, facendo attenzione all’utilizzo di ventilatori elettrici. È consigliato anche svolgere una attività fisica, dalle 3 alle 5 volte a settimana per almeno 30-60 minuti, evitando le ore più calde e dopo aver consultato il proprio medico di famiglia.

Evitate l’esposizione al sole tra le 11:00 e le 16:00, spostatevi nei luoghi della casa più freschi, soprattutto di notte e state all’ombra. Nel caso non vi sentiate bene, bisogna bere acqua, portarsi in un luogo fresco, tenere i numeri di emergenza a portata di mano. Se i sintomi più comuni, come vertigini, debolezza, mal di testa, dolori muscolari persistono consultate il medico. 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter