Giornata Mondiale del Cervello, due iniziative della Asl di Rieti per sensibilizzare i cittadini

In occasione della Settimana del Cervello, dall'11 al 17 marzo, la Asl di Rieti promuove due eventi volti a sensibilizzare i cittadini sulle patologie neurologiche

“Proteggi il tuo cervello” è il tema individuato per il 2019 dalla Società Italiana di Neurologia (SIN), promotrice dell’iniziativa in Italia, in occasione della Settimana Mondiale del Cervello che dall’11 al 17 marzo si celebra in oltre 80 Paesi.

L’obiettivo è quello di incentivare una maggiore consapevolezza sui principali fattori di rischio per prevenire l’insorgenza di malattie cerebro-cardiovascolari.

Prevenzione e diagnosi precoce sono gli strumenti più efficaci a disposizione per proteggere il cervello e le sue funzioni. 

 

INIZIATIVE DELLA ASL DI RIETI

Per evidenziare l’importanza della prevenzione nel contrastare l’insorgenza di patologie neurologiche, la Asl di Rieti, in stretta collaborazione con ALICe Italia Onlus (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale) - Sezione di Rieti, aderisce alla Settimana Mondiale del Cervello con due importanti iniziative di informazione e sensibilizzazione realizzate grazie al contributo dei sanitari dell’Unità di Neurologia e Stroke Unit  diretta dal dottor Mario Di Napoli e dell’Unità di Medicina e Chirurgia di Accettazione e d’Urgenza  diretta dal dottor Flavio Mancini dell’Ospedale de’ Lellis di Rieti.

 

“A SCUOLA CON IL CERVELLO”

La prima iniziativa “A scuola con il cervello” è rivolta esclusivamente ai ragazzi delle scuole medie superiori e inferiori della provincia di Rieti. Il progetto di educazione e formazione si svolgerà presso la Sala Consiliare della Provincia di Rieti e vedrà i giovani studenti impegnati a imparare a riconoscere i segni premonitori dell'ictus.

I ragazzi impareranno a soccorrere chi è colpito da ictus cerebrale come veri e propri "eroi dell'ictus" in grado di aiutare a salvare una vita o una disabilità in seguito ad un ictus.

Si parlerà dei fattori di rischio, con particolare riguardo al fumo, il tema della campagna di prevenzione di ALICe Italia per il mese di aprile. Sarà riservato spazio alla discussione con i ragazzi.

 

“DONNE E ICTUS”

La seconda iniziativa “Donne ed Ictus: quando il genere fa la differenza” si svolgerà il 16 marzo alle 16,30 presso la Sala Convegni della Camera di Commercio di Rieti. L’incontro è aperto a tutti i cittadini.

L’evento intende sottolineare la gravità dell’ictus e la sua elevata prevalenza e incidenza nella popolazione femminile. Inoltre, l’iniziativa si propone di aumentare la consapevolezza sulla possibilità di prevenire l’ictus assicurando migliore assistenza e supporto a favore dei sopravvissuti. Nelle donne, infatti, questa patologia uccide il doppio del tumore mammario e si calcola che 1 donna su 5 avrà un ictus nell'arco della sua vita (per gli uomini 1 su 6), con una probabilità più elevata per le donne data la aspettativa di vita più alta degli uomini.

 

I NUMERI DELLE PATOLOGIE NEUROLOGICHE

Dalla malattia di Alzheimer a quella di Parkinson, dall’ictus cerebrale alla sclerosi multipla, dall’epilessia fino all’emicrania e ai disturbi del sonno, le patologie neurologiche colpiscono  1 miliardo di persone nel mondo, secondo l’OMS - Organizzazione Mondiale della Sanità.

Sono oltre 47 milioni i casi di demenza e si stimano circa 7,7 milioni di nuovi malati ogni anno. Sono circa 6 milioni, invece, le persone che ogni anno muoiono a causa di un ictus cerebrale e 33 milioni i sopravvissuti con esiti più o meno invalidanti. 1 anziano su 4 di età superiore agli 80 anni è affetto dalla Malattia di Alzheimer. 

In Italia le malattie neurologiche colpiscono circa 5 milioni di persone e ogni anno si registrano 150.000 nuovi casi di ictus cerebrale, mentre sono 800.000 le persone sopravvissute a questo disturbo neurologico e che portano segni di invalidità. Solo le cure somministrate precocemente dagli specialisti del cervello, i neurologi, possono limitare le serie conseguenze cui si va incontro con l’insorgenza di queste patologie.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter