Il progetto scolastico dell'Asl di Rieti contro le sostanze d'abuso

L'ASL di Rieti partecipa ad Unplugged: un programma multidisciplinare, validato a livello europeo per la sua efficacia, per affrontare alcol, fumo e droghe tra gli studenti

L'Azienda Sanitaria di Rieti aderisce a un progetto scolastico ideato per affrontare le sostanze d'abuso  tra gli adolescenti. Il programma si chiama Unplugged ed è svolto in classe dagli insegnanti, degli istituti aderenti, appositamente formati attraverso corsi che potenziano le loro abilità emotive e cognitive. 

Le scuole sono un territorio adatto all’attivazione di programmi di prevenzione delle dipendenze da alcool, droghe e tabacco, per diverse ragioni. Su 11 milioni di fumatori in Italia, oltre il 13% ha iniziato a fumare prima dei 15 anni (dati Eurobarometro), il 10% dei maschi e l'8% delle femmine tra gli 11 e i 15 anni ha consumato alcol (dati Istat 2015)

La prevenzione dell’abuso di sostanze stupefacenti deve perciò, partire dall'infanzia e adolescenza prima che le opinioni ed aspettative sul fumo e l’uso di altre sostanze si siano radicate nei ragazzi.  

 

IL PROGRAMMA UNPLUGGED 

La Asl di Rieti è una delle strutture sanitarie che hanno scelto di sviluppare, all'interno degli istituti scolastici di Rieti e provincia, progetti dedicati alla protezione degli adolescenti rispetto all’uso di fumo, alcol ed altre sostanze da abuso. In questo quadro, si inserisce ‘UNPLUGGED’, un programma svolto direttamente da insegnanti che sono stati appositamente formati attraverso corsi per il potenziamento delle così dette ‘life skills’ in adolescenza, ovvero tutta quella gamma di abilità emotive, cognitive e relazionali di base, che consentono agli individui di operare con competenza sia sul piano individuale che sociale.

"Si tratta di un programma validato a livello europeo per la sua efficacia nel prevenire o quantomeno ritardare l'assunzione di sostanze da abuso, che dal 2009 viene proposto dall’Azienda Sanitaria Locale alle scuole secondarie di primo grado della provincia di Rieti e che di anno in anno - si legge nel comunicato stampa ufficiale - suscita sempre maggiore interesse da parte degli insegnanti che lo richiedono e lo svolgono con entusiasmo."

Il fulcro di questo approccio è dunque l'interdisciplinarietà, con equipe composta dal personale ASL (dottor Stefano Marci, il referente aziendale, e i dottori Rosella Pacifico, Felicetta Camilli e Gianluca Fovi De Ruggiero) che all'inizio del corrente anno scolastico, hanno formato un gruppo di insegnanti provenienti da 12 Istituti della provincia e con i quali tengono incontri per verificare l'avanzamento dei lavori del progetto.

 

COME FUNZIONA UNPLUGGED 

Unplugged, condotto in sette Paesi europei, è il primo programma CSI (comprehensive social influence approach) europeo di provata efficacia che include l’uso di metodologie interattive e la continuità dell’intervento nel tempo. Per le sue caratteristiche di ritardare o prevenire la sperimentazione delle sostanze psicoattive, Unplugged è indicato per i ragazzi del secondo e terzo anno delle scuole secondarie di primo grado e del primo anno delle scuole secondarie di secondo grado.
Il programma è articolato in 12 unità didattiche di circa 1 ora ciascuna ed è condotto da un insegnante formato, la metodologia interattiva utilizza tecniche quali il role play, il brain storming e le discussioni di gruppo. Gli insegnanti hanno un ruolo fondamentale, la loro motivazione ed entusiasmo sono determinanti ai fini dell’efficacia dell’intervento. Per questo è necessario che siano formati in modo specifico, partecipando ad un corso di formazione di 3 giorni (20 ore), organizzato e condotto da operatori ASL, che precede l’implementazione diretta del progetto nelle classi.

 

UN RESPONSO POSITIVO

Dall’analisi dei questionari di gradimenti degli insegnanti il 95% degli insegnanti partecipanti hanno manifestato la propria piena soddisfazione e l’84% indica che ha arricchito le sue abilità come insegnante. Per ottenere feedback anche degli studenti, al termine dell'anno scolastico verrà valutato il gradimento attraverso la somministrazione di un questionario.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter