Asl di Rieti: ecco i tre vaccini gratuiti per gli over 65

A chi ha compiuto 65 anni l'Asl di Rieti offre gratuitamente tre vaccini contro l'influenza, lo pneumococco e l'herpes zoster. Scopriamo perché è importante vaccinarsi e dove è possibile farlo

L'influenza è una malattia comune e di moderata intensità, l'infezione da pneumococco, invece, è meno conosciuta, ma ugualmente diffusa e ben distribuita su tutte le fasce d'età.
L'herpes zoster insorge a partire dai 60 anni, e presentarsi più volte nella stessa persona.

La Asl di Rieti ha invitato 1.981 persone che quest'anno compiono 65 anni a vaccinarsi gratuitamente per tre diverse malattie infettive: influenzapneumococco herpes zoster. Ecco come si presentano le patologie e perchè è importante vaccinarsi.  

 

L'INFLUENZA: VIRUS E VACCINO 

L'influenza è una malattia spesso sottovalutata, ma può raggiungere una capacità di penetrazione nella popolazione molto ampia, soprattutto in certi periodi dell'anno. L'infezione si trasmette per via aerea, attraverso le goccioline di saliva e le secrezioni respiratorie. Pertanto, è importante imparare a riconoscerla.

Come informa la Asl di Rieti, si può parlare di influenza solo se ci sono tre sintomi presenti contemporaneamente:

febbre elevata che supera i 38° a insorgenza brusca;

sintomi sistemici, come dolori muscolari/articolari;

sintomi respiratori, tosse, naso che cola, congestione/secrezione nasale e mal di gola. 

In tutti gli altri casi si parla di infezioni respiratorie acute o sindromi parainfluenzali.

 

Il vaccino antinfluenzale viene utilizzato da oltre 40 anni, ed è sicuro ed efficace. Si somministra per via intramuscolare ed è indicato per tutti i soggetti che desiderano evitare la malattia influenzale, anche bambini molto piccoli.

Si può eseguire la vaccinazione antinfluenzale dopo la seconda metà di ottobre fino a tutto dicembre recandosi dal proprio medico di famiglia o presso i Servizi di vaccinazione dei Dipartimenti di Prevenzione della ASL.

 

PNEUMOCOCCO: BATTERIO E VACCINO

Lo Pneumococco è un batterio molto diffuso che si ritrova comunemente nel tratto respiratorio superiore (naso e gola) di bambini e adulti sani. La trasmissione avviene per via aerea, attraverso le goccioline di saliva o lo scambio di materiale contaminato dalle secrezioni respiratorie delle persone portatrici del batterio. L'infezione si manifesta solitamente con sintomi a carico del tratto respiratorio superiore, dove tale batterio si localizza.

Il vaccino anti-pneumococco già da molti anni è utilizzato nei bambini, ed è sicuro ed efficace. Si somministra per via iniettiva, viene fatto una sola volta nella vita e riduce il rischio di contrarre polmoniti, meningiti e setticemie.

Può essere effettuato in qualunque periodo dell’anno anche contemporaneamente al vaccino per l’influenza.

Anche in questo caso, ci si può vaccinare recandosi dal proprio medico di famiglia o presso i Servizi di vaccinazione dei Dipartimenti di Prevenzione della ASL. 

 

HERPES ZOSTER: CHE COS'È IL “FUOCO DI S.ANTONIO”

L’Herpes Zoster, conosciuto anche come Fuoco di S. Antonio, è causato dalla riattivazione del virus Varicella Zoster (VZV), lo stesso virus che causa la varicella in età pediatrica. Colpisce generalmente dopo i 60 anni di età, quando il sistema immunitario si indebolisce. Può presentarsi più volte nella stessa persona. Il Fuoco di S. Antonio si manifesta con un dolore severo per 6-12 mesi (nevralgia post erpetica) che può influire sullo svolgimento delle attività quotidiane.

Il vaccino contro l’Herpes Zoster è somministrato per via intramuscolare, in un'unica dose.

A partire da quest'anno, è gratuito per chi è nato nel 1952 e compie 65 anni.

Per usufruire del vaccino gratuito, è necessario recarsi presso il Centro Vaccinazioni Adulti, Via delle Ortensie 28, 2° piano nei giorni di lunedì e mercoledì dalle ore 8.00 alle 13.00, anche senza prenotazione.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter