Vaccino antinfluenzale: a chi verrà somministrato gratuitamente nel Lazio

Le indicazioni della Asl di Rieti: sfatare falsi miti e promuovere la prevenzione soprattutto per gli anziani e i malati di diabete

Come ogni anno, con l'autunno parte la campagna antinfluenzale. Quest'anno, l'iniziativa dedicata alla vaccinazionedella Regione Lazio ha richiesto un investimento compressivo di 21 milioni di euro: 12 milioni per il vaccino anti-influenzale e 9 milioni per quello anti-pneumococcico.

L'obiettivo della campagna è migliorare il dato di copertura vaccinale sulla popolazione dai 65 anni in su, che nel Lazio rappresenta circa il 21% del totale, e su tutte le altre categorie "a rischio”.

 

VACCINO ANTINFLUENZALE: CONTRO LA DIFFIDENZA E LA DISINFORMAZIONE

Di recente, si sta diffondendo un atteggiamento di diffidenza verso le vaccinazioni a causa di informazioni non corrette che vengono veicolate principalmente su internet.

Invece, il vaccino contro l'influenzale – ha evidenziato la Asl di Rieti - è in alcuni casi un salvavita per i soggetti a rischio”: è il miglior alleato per ridurre fortemente i rischi di complicazioni e di malattia grave. La vaccinazione, inoltre, porta benefici non solo per effetto diretto sui soggetti vaccinati, ma anche in modo indiretto, inducendo protezione nei soggetti non vaccinati.

 

VACCINO ANTINFLUENZALE: GRATUITO PER CHI

Con l'influenza stagionale alle porte, l'appello a farsi vaccinare è rivolto soprattutto ai soggetti considerati “a rischio”, ovvero tutti coloro che soffrono di patologie respiratorie e malattiecardiache. Ciò nonostante, il vaccino antinfluenzale è un'opportunità importante anche per i ragazzi che vanno a scuola, in modo da evitare o quantomeno ridurre l’assenteismo scuola/lavoro, e per tutti coloro che vivono con persone cagionevoli di salute, per evitare di contagiare i soggetti “fragili” della propria famiglia.

Il vaccino è offerto gratuitamente a:

  • tutte le persone di età compresa tra i 6 mesi a 65 anni affette da specifiche patologie croniche;
  • bambini e adolescenti a rischio sindrome di Reye;
  • donne in stato di gravidanza tra il secondo e il terzo trimestre;
  • familiari ed altre persone che si trovano in contatto con soggetti ad alto rischio;
  • medici e personale sanitario;
  • personale che lavora a contatto con animali;
  • forze dell’ordine, VV.FF. e Protezione Civile.

 

VACCINO ANTINFLUENZALE: DOVE VACCINARSI

Per usufruire della vaccinazione, basta rivolgersi ai medici di medicina generale della Regione Lazio, primo fra tutti il proprio medico di base, o recarsi presso i centri vaccinali della propria Asl di appartenenza.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter