La dieta per prevenire l'emicrania

La dieta per prevenire l'emicrania

Alcolici e formaggi stagionati possono peggiorare l'intensità del mal di testa. Scopriamo quali sono gli alimenti che ne aumentano l'intensità

Tra le varie cause che possono scatenare mal di testa c’è anche il cibo. Frutta secca, alcolici e formaggi a lunga stagionatura sono solo alcuni degli alimenti che possono provocare un attacco di emicrania.

L’emicrania è la tipologia di mal di testa più comune e colpisce quasi il 12% della popolazione, soprattutto le donne. Tra i diversi fattori che possono scatenare una crisi, oltre allo stress o alle variazioni meteorologiche, anche l’alimentazione. Quali sono i cibi sconsigliati secondo dottor Vincenzo Tullo, specialista neurologo e responsabile dell’ambulatorio sulle cefalee di Humanitas LAB.

COS’È L’EMICRANIA 

L’emicrania è il mal di testa più comune e ne soffre il 10-12% della popolazione. Le donne sono quelle maggiormente colpite, in rapporto 3:1 rispetto agli uomini. È un disturbo che interessa anche il 5% dei bambini, ma generalmente inizia dopo la pubertà, per aumentare nella fascia d’età tra i 35 e i 45 anni. L’emicrania è una cefalea primaria che si manifesta con un dolore definito “pulsante” e localizzato, che può durare da qualche ora fino a massimo tre giorni. Spesso può presentarsi con sintomi dell’emicrania come: nausea, vomito, fotofobia e fonofobia, ovvero intolleranza a luci e rumori.

I CIBI CHE SCATENANO L’EMICRANIA

Tra le varie cause che possono scatenare un attacco di emicrania ci sono alimenti specifici come:

  • cioccolato;
  • caffè;
  • alcolici e superalcolici;
  • carni rosse e insaccati, ricchi di nitriti e nitrati;
  • patatine fritte e cibi fritti in generale;
  • dadi da brodo;
  • cibo orientale, che contiene glutammato;
  • frutta secca;
  • formaggi stagionati.

 

È IMPORTANTE REGOLARE LE QUANTITÀ

Per evitare l’emicrania è importante anche considerare le quantità dei cibi che assumiamo. La dose è importante e non solo per questi alimenti, ma anche per la dieta in generale. Il mal di testa, infatti, può svilupparsi quando la digestione è faticosa e lenta e quindi un pranzo o una cena abbondante posssono provocare un attacco di emicrania.

 

COME PREVENIRE IL MAL DI TESTA

Prevenire il mal di testa è possibile aumentando l’apporto giornaliero determinati cibi alleati del sistema nervoso. Potrebbe essere utile aumentare l’assunzione di cibi freschi e di stagione come frutta e ortaggi.  

Oltre alla dieta è importante seguire uno stile di vita salutare. Modificando alcune cattive abitudini può favorire la riduzione della frequenza degli attacchi e anche l’intensità dell’emicrania. Oltre all’alimentazione, anche un sonno veramente ristoratore e una moderata ma regolare attività fisica sono i due pilastri su cui sorreggere uno stile di vita sano in chiave preventiva. Gli specialisti consigliano di mangiare a orari regolari, di non saltare i pasti, di non digiunare perchè l’ipoglicemia è nemica di chi soffre di continui mal di testa. È consilgiato, inoltre, bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno e di non abusare di farmaci antidolorifici che contengono caffeina.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter