Colica renale: le 5 cose da sapere

Cause e sintomi collegati al dolore acuto che si manifesta quando i calcoli renali transitano dal rene alla vescica

La colica renale è la conseguenza dello spostamento dei calcoli renali attraverso l’uretere, il condotto che collega i reni alla vescica. Le coliche si presentano con dolori acuti che interessano la zona lombare della schiena fino ad arrivare a parte dell’inguine. È il fenomeno collegato alla calcolosi renale (nefrolitiasi), che può essere diagnosticata con degli esami di routine che rilevano la presenza di questi “sassolini” all’interno dei reni. Il forte dolore può essere trattato con la somministrazione, da parte di un medico, dei medicinali FANS, anti-infiammatori non steroidei.

 

COLICA RENALE: COS’È

La colica renale è un dolore acuto e improvviso che interessa la regione lombare e la parte inferiore dell’addome. Il dolore è causato dalla presenza di calcoli renali che transitano lungo l’uretere, il condotto che unisce i reni alla vescica. Questi piccoli sassolini sono agglomerati composti da sali minerali e acidi urici, che si presentano inizialmente come micro cristalli fino a raggiungere dimensioni più elevate.

Le urine contengono delle sostanze che dovrebbero impedire la formazione di micro cristalli di calcoli, ma spesso questi composti sono presenti in quantità necessaria o non lavorano in maniera adeguata.

LE CAUSE DELLA COLICA RENALE

Le coliche renali sono collegate alla calcolosi renale, e il forte dolore è causato dal transito dei calcoli renali lungo l’uretere. Molto spesso quelli con dimensioni maggiori possono essere di ostacolo alla passaggio dell’urina. Mentre, i calcoli più piccoli vengono spinti in fuori dal flusso dei liquidi, forzando le pareti dei condotti in cui transitano le urine.

I SINTOMI COLLEGATI ALLE COLICHE RENALI

La calcolosi renale può presentarsi in modo asintomatico fin quando i calcoli si trovano all’interno dei reni. Quando iniziano a spostarsi verso l’uretere, il "tubo" che collega il rene alla vescica, può presentarsi con alcuni tipi di sintomi:

  • Dolore acuto che può interessare la zona dell’inguine;
  • Dolore acuto al fianco e alla schiena, sotto le costole;
  • Tracce di sangue nelle urine;
  • Nausea e vomito;
  • Sudorazione;
  • Pallore;
  • Tachicardia;
  • Poliuria o necessità di urinare spesso;
  • Febbre e brividi quando si presenta un’infezione.

COLICA RENALE: LA CURA

La colica renale deve essere diagnosticata in modo appropriato per escludere l’ostruzione delle vie urinarie o altre complicazioni, come le infezioni. L’ecografia renale è indicata nella valutazione di routine per pazienti che presentano un sospetto di colica renale.

Una volta che la diagnosi è accertata il medico nefrologo somministra il trattamento attraverso FANS, anti-infiammatori non steroidei. I Fans rappresentano la terapia medica di prima scelta nella terapia, anche in fase acuta. Questa tipologia di medicinali sono efficaci per il trattamento del dolore grazie alla loro azione antiinfiammatoria e permettono di ridurre la pressione che interessa l’uretere.

Per eliminare i calcoli di piccole dimensioni può essere richiesta una terapia espulsiva per eliminare i calcoli non espulsi e di dimensioni maggiori. Questa cura viene fatta attraverso la combinazione di farmaci cortisonici e medicinali che rilassano la muscolatura liscia dell’uretere come: calcio-antagonisti e alfa-litici.

COME PREVENIRE LA COLICA RENALE

Le coliche renali si possono prevenire apportando delle piccole modifiche allo stile di vita quotidiano. Gli specialisti consigliano di seguire una dieta equilibrata e povera di grassi e ossalati, ovvero sale di calcio. Potrebbe essere utile seguire un’attività fisica moderata e regolare e bere molta acqua oligominerale, che presenta pochi minerali disciolti.

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter