Ansia: cosa è e come si cura

Una persona su 10 è colpita almeno una volta nella vita dal disturbo che può scaturire da un forte stress psico-fisico. Ecco che cos'è e come si può curare

I disturbi d’ansia colpiscono quasi 2 milioni e mezzo di italiani l’anno. L’ansia è la risposta del nostro organismo ad una situazione psico-fisica stressante o anomala. Il corpo reagisce aumentando le funzioni neurovegetative come: battito cardiaco e respirazione. Secondo gli ultimi studi, condotti dall’Istituto Superiore di Sanità, annualmente il 2% degli uomini viene colpito da disturbi d’ansia, la percentuale quadruplica nel caso delle donne.

È importante saper riconoscere l’ansia, grazie all’aiuto della psicoterapia, per poter fronteggiare in tempo il fenomeno ed evitare che si cronicizzi nel tempo.

COS’È L'ANSIA E COME SI RICONOSCE

L’ansia è un disturbo che attiva l’organismo di fronte ad una situazione che viene percepita come difficile o anomala. Negli stadi ansiogeni si verificano tutti quei sintomi che alterano i normali fenomeni neurovegetativi che controllano respirazione e battito cardiaco. Spesso si riscontrano degli aumenti di frequenza del respiro, tachicardia, aumento della sudorazione e vertigini. Questi mutamenti sono una risposta dell’organismo umano che si prepara, aumentando energia muscolare, a reagire ad una situazione di pericolo.

Molto spesso, lo stato d’ansia non è solo un limite, ma è una condizione fisiologica difensiva e di allerta che permette di migliorare le prestazioni. Capita, però, che questi stati d’ansia si presentino in modo eccessivo peggiorando le azioni quotidiane del singolo individuo.

ANSIA: I SINTOMI

L’ansia può manifestarsi in situazioni causate da stress, collegate anche all’aumento di impegni e responsabilità. In alcuni soggetti può essere dovuta ad una situazione, familiare, lavorativa o sentimentale, faticosa. Se le difficoltà non vengono affrontate, in modo adeguato, possono portare il paziente a dover convivere con fobie che si scatenano in varia natura e potenza. Attualmente i problemi legati all’ansia possono causare:

  • Fobie come paura di volare, degli spazi chiuso e di animali
  • Disturbi di panico e agorafobia (paura degli spazi aperti)
  • Disturbo ossessivo compulsivo
  • Fobia sociale
  • Disturbo post traumatico da stress

COME SI CURA L'ANSIA

La cura consigliata ai pazienti è quella di sottoporsi a sedute di psicoterapia che permettono, grazie all’aiuto di uno specialista, di poter acquisire i metodi per fronteggiare il disturbo. La psicoterapia cognitivo- comportamentale è una terapia breve che permette di combattere questi fenomeni in un periodo che va dai 3 ai 6 mesi.  

ANSIA: NE SOFFRONO 2 MILIONI E MEZZO DI ITALIANI

L’Istituto Superiore di Sanità ha condotto uno studio statistico, rilevando che quasi 2 milioni e mezzo della popolazione italiana è stata colpita da attacchi d’ansia. La ricerca ha riscontrato che i disturbi d’ansia colpiscono l’11% della popolazione nell’arco della vita. Annualmente più del 2 % della popolazione maschile viene colpita almeno una volta l’anno dall’ansia. La percentuale sale a quasi l’8 % per le donne, soprattutto nella fascia tra i 50 e i 64 anni di vita.  

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter