Revocato lo sciopero dei medici previsto per il 28 novembre

Rinviato a data da destinarsi lo sciopero nazionale dei camici bianchi. La Commissione di garanzia sull'attuazione degli scioperi ha bocciato la data della protesta

Lo sciopero deimedici indetto per lunedì 28 novembre è stato revocato. La data, hanno dichiarato i sindacati, sarebbe troppo vicina a quella del 25 novembre, giornata in cui sono previsti scioperi di 24 ore su base nazionale. 

La Commissione di garanzia ha chiesto ai sindacati di "riformulare la proclamazione dello sciopero". Si tratterebbe di una violazione della regola (della rarefazione oggettiva), spiega la Commissione, che prevede una distanza di almeno 10 giorni da due maxi scioperi di 24 ore.

L’intervallo è "ritenuto necessario dal legislatore per evitare una non accettabile incidenza sulla continuità del servizio". 

RINVIATO LO SCIOPERO DEI MEDICI DEL 28 NOVEMBRE 

I sindacati, a seguito della notizia della revoca dello sciopero dei medici, hanno sottolineato come il disagio dei professionisti sanitari è crescente e di pari passo aumenta anche il malcontento dei cittadini, dovuto alle lunghe liste d’attesa per accedere alle prestazioni. 

Ci sono "pochi medici e maltrattati", con "risorse esigue e incerte per i contratti", spiega Costantino Troise, segretario dell'Anaao, l’Associazione Medici e dirigenti del Servizio Sanitario Nazionale

“È proprio questo a condannare uno straordinario patrimonio civile e professionale che rischia di essere spazzato via dall’onda d'urto della crisi – si legge in un comunicato -. Non si può pretendere una buona sanità senza investire negli operatori del settore, attraverso risorse economiche adeguate e certezze contrattuali. La sostenibilità del servizio sanitario pubblico passa per la valorizzazione e la responsabilità dei suoi professionisti”.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter