Cuore e patologie cardiache, torna il programma di prevenzione nelle scuole di Rieti

Cuore e patologie cardiache, torna il programma di prevenzione nelle scuole di Rieti

Elettrocardiogrammi per evidenziare le patologie cardiache severe a rischio di morte improvvisa

Torna per il quarto anno consecutivo il progetto multidisciplinare "Proteggi il suo cuore", promosso dalla Asl di Rieti in collaborazione con l'associazione Aicf Onlus. Scopo dell'iniziativa è quello di contribuire alla prevenzione delle patologie cardiache severe attraverso un semplice elettrocardiogramma.

Gli alunni delle scuole elementari e medie del territorio saranno infatti sottoposti ad un ECG di base per evidenziare eventuali anomalie rivelatrici di malattie a rischio di Morte improvvisa o la presenza di altre cardiopatie e disturbi aritmici minori.

Sottoporsi a screening preventivi cardiologici, anche in età scolastica, può aiutare infatti ad individuare patologie apparentemente silenti, ma potenzialmente letali anche e soprattutto per i bambini. I dati  statistici indicano un migliaio di vittime l’anno in Italia. Si tratta di eventi rari in soggetti apparentemente sani, magari anche sportivi.

CUORE: MORTE IMPROVVISA CAUSA UN QUINTO DEI DECESSI FRA I BAMBINI SOTTO I 13 ANNI

La Morte cardiaca improvvisa che colpisce bambini e ragazzi può essere ricondotta a due grandi categorie di cause: aritmie gravi e non diagnosticate o anomalie congenite, come cardiomiopatie o anomalie delle coronarie, o ancora particolari sindromi che determinano un’alterazione nell’attività elettrica del cuore.

A questa causa si deve circa un quinto dei decessi improvvisi fra i bambini italiani al di sotto di 13 anni, rileva il Ministero della Salute. Secondo i cardiologi dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, la morte improvvisa si manifesta nel 10-15% dei casi durante l'attività fisica e nel 90% dei casi è riconducibile a cause cardiache che potrebbero essere individuate preventivamente attraverso un semplice elettrocardiogramma.

L’elettrocardiogramma può rassicurare sull’assenza di aritmie e, se invece rileva anomalie, si può passare a un esame di secondo livello come l’ecocardiogramma, che permette di esaminare anche la struttura del cuore.

CUORE: OLTRE 6000 ECG IN TRE ANNI PER GLI STUDENTI REATINI

La campagna di prevenzione, in tre anni, ha visto più di 6000 elettrocardiogrammi effettuati nelle scuole di Rieti e provincia.

“La collaborazione con il mondo della scuola è di grande aiuto per aumentare l'attenzione e la cultura dei bambini e delle famiglie verso il miglioramento continuo della qualità della cure – sottolinea in una nota la direzione aziendale della Asl di Rieti - Per questo, pensiamo che partecipare allo screening, oltre a migliorare la prevenzione delle patologiecardiologiche, permette, a bambini e genitori, di acquisire uno sguardo più consapevole verso la tutela del proprio benessere. Ciò costituirà quindi una risorsa per gli anni a venire. Lo screening permette infatti di individuare quelle alterazioni tipiche delle sindromi aritmogeniche a rischio di Morte Improvvisa in una fase della vita in cui i sintomi raramente si manifestano”.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter