Edilizia sanitaria, come si trasforma la Asl di Rieti

Quattro aree di intervento per la riqualificazione dell'offerta ospedaliera e di quella territoriale

Il programma straordinario di investimenti  per l'edilizia sanitaria del Lazio (ex art. 20 L 68/88 III fase) ha destinato alla Asl di Rieti  8,5 milioni per 4 aree di intervento. La cifra rappresenta circa il 20% di quella complessivamente attribuita  alle 4 province: oltre 41 milioni suddivisi appunto fra Rieti, Viterbo, Frosinone e Latina.

Il progetto più importante riguarda, come del resto in tutta la regione, la riqualificazione dell'offerta ospedaliera e prevede un'imponente intervento nel presidio principale, il S. Camillo de Lellis: 5 milioni 338 mila euro per una ristrutturazione complessiva di oltre 20 mila metri quadrati.  In programma l'adeguamento, la messa a norma, la manutenzione straordinaria edile ed impiantistica di reparti e percorsi assistenziali e l'ammodernamento delle tecnologie.  La durata prevista per i lavori è di 36 mesi.

Altro settore coinvolto dal rinnovamento è quello della rete perinatale, una fra le priorità del progetto regionale. Sempre al de Lellis infatti, oltre 1500 metri quadrati saranno ristrutturati per adeguare i reparti ed i percorsi assistenziali ( blocco parto, ostetricia, ginecologia, neonatologia, pediatria) e saranno inoltre acquistate tecnologie all'avanguardia. L'operazione - che si concluderà in 12 mesi -  ha un costo di 996 mila euro.

Per quanto riguarda invece la riqualificazione della rete territoriale, è in programma un intervento in favore della Casa della Salute di Magliano Sabina. La cifra disponibile ammonta a 252.540 euro e servirà, nell'arco di 8 mesi,  ad acquistare forniture sanitarie ed attrezzature tecnologiche  per implementare le attività assistenziali.

Ultimo settore investito dal restyling è quello della sicurezza, in particolare dei sistemi antincendio.  La Asl potrà infatti contare su un investimento di 1 milione 931 mila euro per adeguare, nell'arco di 24 mesi, tutti gli impianti presenti nei presidi aziendali di proprietà.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter