Farmaci: ecco come conservarli d'estate

Farmaci: ecco come conservarli d'estate

Temperature basse per gli antibiotici, evitare l'esposizione al sole per le medicine spray. Ecco i 5 consigli dell'Aifa per evitare che d'estate i medicinali diventino tossici

Temperature elevate, umidità, ed escursione termica possono alterare il principio attivo dei farmaci annullandone le proprietà farmacologiche. Il rischio peggiore è la degradazione che può renderli addirittura tossici.

Proprio per questo motivo l’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha redatto una guida, disponibile in rete, con alcuni piccoli accorgimenti per conservare i medicinali nonostante il caldo.

Si tratta di consigli validi tutto l’anno ma de seguire con particolare attenzione soprattutto nel periodo estivo, quando una non corretta assunzione di alcuni farmaci, può causare gravi danni in soggetti deboli, come chi soffre di problemicardiaci, circolatori e respiratori.

 

COME CONSERVARE I FARMACI D’ESTATE

All’interno del foglio illustrativo dei farmaci sono specificate le modalità di conservazione, compresa la temperatura più adatta per evitare che il prodotto perda le sue proprietà e possa avere conseguenze dannose per l’organismo, se ingerito.

Generalmente i medicinali devono essere conservati in luoghi freschi e asciutti con temperature inferiori ai 25°, a meno che non sia specificato altro. Questa regola vale soprattutto per antibiotici, farmaci adrenergici, insulina , analgesici, sedativi.

 

NO AL SOLE PER I FARMACI SPRAY

Per quanto riguarda i farmaci spray, ad esempio quelli contro l’asma da inalare, l’Aifa consiglia di non esporli affatto al sole o a temperature troppo elevate. Nel caso di viaggi e, quindi, nel caso in cui diventi necessario trasportare i medicinali da una parte all’altra, gli esperti consigliano di utilizzare contenitori termici di trasporto.

 

UMIDITÀ NEMICA DEI TEST DIAGNOSTICI

Le strisce per i test diagnostici, come ad esempio quelle utilizzate per verificare i livelli di zucchero nel sangue, per la gravidanza o l’ovulazione, sono estremamente sensibili all’umidità. Questa fa perdere loro efficacia tanto da rendere inutile il loro utilizzo. Per questo motivo l’Aifa consigli di evitare i luoghi particolarmente umidi per conservare questo tipo di farmaci.

 

TEMPERATURE COSTANTI PER I CONTRACCETTIVI

I farmaci per la tiroide, i contraccettivi e in generale i medicinali che contengono ormoni sono particolarmente sensibili alle escursioni termiche. Ecco perché si consiglia di conservarli in ambienti freschi e soprattutto a temperatura costante.

 

ATTENZIONE ALLE DOSI

Nel caso di patologie croniche come il diabete o le malattie cardiache, l’alterazione di una dose di un farmaco fondamentale, come l'insulina o la nitroglicerina, può essere rischiosa. Stessa cosa per quanto riguarda gli antiepilettici e gli anticoagulanti. Piccole modificazioni in farmaci come questi possono comportare gravi danni per l’organismo, soprattutto a reni e stomaco

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter