Tumori del cavo orale, il bilancio della giornata di prevenzione all'Asl di Rieti

Tumori del cavo orale, il bilancio della giornata di prevenzione all'Asl di Rieti

Gli specialisti dell'ospedale De Lellis, con il supporto dei colleghi odontoiatri, hanno dedicato un'intera mattina alle visite ambulatoriali: i risultati

Sessantadue visite gratuite effettuate, 26 pazienti con fattori di rischio prevalentemente legati al fumo e 4 con lesioni precancerose reclutati per una biopsia. Questo Ŕ il bilancio della campagna di screening gratuiti condotta al San Camillo de Lellis di Rieti in occasione della recente Giornata di prevenzione dei tumori del cavo orale lanciata dall'Aooi (Associazione otorinolaringologi ospedaliri italiani).

Gli specialisti del presidio ospedaliero della Asl di Rieti, con il supporto dei colleghi odontoiatri, hanno dedicato un'intera mattina alle visite ambulatoriali in favore della popolazione.

"L'incidenza di  questi tumori nel territorio reatino - spiega Paolo Ruscito, direttore del servizio di Otorinolaringoiatria del de Lellis - Ŕ simile a quella nazionale. Facendo riferimento ai Registri tumori del Lazio, quelli di Roma e Latina, il tumore del cavo orale incide per circa il 5%. Un'incidenza questa di tutta rilevanza se si considera che ora, oltre ai fattori di rischio classici che inducono l'insorgenza di questa patologia dati dal fumo di sigaretta e dall'abuso di alcol, vanno considerate anche le problematiche legate al papilloma virus. Come Ŕ noto infatti, questa infezione pu˛ determinare un viraggio neoplastico di possibili lesioni all'interno del cavo orale".

La prevenzione resta attualmente l'unica arma a disposizione per combattere la malattia che in Italia colpisce 4 persone ogni 100mila abitanti e gli uomini in percentuale tripla rispetto alle donne. Proprio grazie ad un'accurata ispezione del cavo orale gli specialisti sono in grado di evidenziare le lesioni in fase precoce, quando ancora non c'Ŕ una diagnosi di neoplasia. Quindi ogni ferita, anche piccola, che tarda a rimarginarsi, ogni gonfiore, nodulo, o la comparsa di macchie bianche non vanno sottovalutate perchÚ, se presi in tempo infatti, i tumori del cavo orale possono essere curati con successo con elevate percentuali di guarigione.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti su Bussola SanitÓ seguici su Facebook Twitter o iscriviti alla newsletter usando il box nella colonna di destra

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola SanitÓ

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter