Asl Rieti, arriva la Risonanza magnetica S-Scan per i pazienti esterni

L'apparecchiatura in dotazione al San Camillo de Lellis disponibile anche per l'attività ambulatoriale: più prestazioni e meno attese

L'ospedale San Camillo de Lellis di Rieti mette a disposizione dei pazienti ambulatoriali la Risonanza magnetica S-Scan. Da domani infatti, l'apparecchiatura che studia approfonditamente i tessuti molli e le cartilagini delle articolazioni, sarà utilizzabile anche per le prestazione esterne al regime di ricovero.

Si tratta dell'ultima novità in fatto di imaging articolare, una risonanza a basso campo magnetico che abolisce i tubi chiusi ed il disagio per i pazienti consentendo però l'esecuzione rapida di esami a carico delle articolazioni di spalla, gomito, polso, mano, ginocchio, caviglia e piedi. Le immagini ottenute hanno un'altissima definizione e sono i grado di soddisfare qualsiasi esigenza diagnostica. E' infatti possibile individuare accuratamente le artropatie, le lesioni traumatiche, le malattie reumatiche delle articolazioni, quelle da invecchiamento di menischi e cartilagini ed anche le lesioni dei legamenti, fornendo indicazioni precise sulle varie patologie ad ortopedici, fisiatri e neurochirurghi.

Il Servizio con S-Scan del presidio ospedaliero reatino si avvale di tecnici di radiologia e di medici radiologi di grande esperienza e competenza nella patologia osteoarticolare. Il macchinario inoltre, avendo le caratteristiche di una risonanza ‘aperta’ (con il magnete a forma di G), consente l'esecuzione dell'esame evitando qualsiasi rischio a chi soffre di claustrofobia o di attacchi di panico ed alle persone particolarmente ansiose. Una volta entrato a regime il nuovo S-Scan alleggerirà il carico di pazienti che insiste attualmente sulla Risonanza Magnetica e sulla Tac dell'ospedale, in questo modo sarà sicuramente possibile accedere in tempi più rapidi alle prestazioni di diagnostica radiologica.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti su Bussola Sanità seguici su Facebook Twitter o iscriviti alla newsletter usando il box nella colonna di destra

“L'attivazione di tale apparecchiatura – spiega Giuliano Marcelli, responsabile dell'unità operativa di Diagnostica per immagini della Asl di Rieti - resa possibile grazie all'acquisizione di nuovo personale, consentirà una migliore appropriatezza di utilizzo delle tecniche diagnostiche con ampliamento della disponibilità di prestazioni di Risonanza magnetica ad alto campo da mettere a sistema, contribuendo al miglioramento dei tempi d'attesa”.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter