Grande freddo, sovraffollamento nei pronto soccorso: +10-15% a Roma e Milano

A soffrire in particolar modo anziani con patologie respiratorie influenzali: ecco la situazione nei principali centri italiani

Le temperature crollano e i pronto soccorso si riempiono. È quanto riportato da un’indagine di AdnKronos Salute, che ha rilevato un aumento del 10-15% degli accessi a Roma e Milano.

Grande freddo, la situazione nei pronto soccorso di Milano

Al Policlinico del capoluogo lombardo, negli ultimi giorni si è registrato circa il 10% di accessi in più rispetto alla media annuale. Una situazione, spiega Basilio Tiso, direttore medico di presidio, destinata a peggiorare nei prossimi giorni. “C avviciniamo al clou. L'influenza circolerà con maggiore intensità e si andrà avanti con questi ritmi per un mese circa, con i letti di medicina sempre pieni e il 10-15% di accessi più in pronto soccorso".

Situazione simile all’ospedale Niguarda. In quest’ultima settimana, il pronto soccorso è stato particolarmente affollato, con oltre il 15% in più di accessi. A soffrire soprattutto anziani con patologie respiratorie influenzali.

Roma, situazione stabile al Policlinico e al San Camillo

Al Policlinico Umberto I di Roma, invece, la situazione non è particolarmente peggiorata. "Come tutti gli anni - spiega Claudio Modini, direttore del Dipartimento emergenza accettazione (Dea) - gennaio è un mese storicamente affollato. Aumentano gli accessi legati alle complicanze dell'influenza stagionale e dei malanni parainfluenzali, così come dei traumi. Ma la situazione non è particolarmente cambiata a causa dell'abbassamento delle temperature".

All'azienda ospedaliera S.Camillo-Forlanini, invece, è stato registrato un lieve aumento, dovuto soprattutto a casi di polmonite, spesso legati al freddo.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti su Bussola Sanità seguici su Facebook Twitter o iscriviti alla newsletter usando il box nella colonna di destra

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola SanitÓ

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter