Regione Lazio: approvati decreti per budget 2013

Bartoletti: "Se il buongiorno si vede dal mattino, siamo sulla buona strada. Ma il sistema pubblico è ancora in sofferenza"

Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio e Commissario ad acta per la Sanità, ha firmato i primi provvedimenti che fissano i budget relativi all’erogazione di prestazioni sanitarie in alcune strutture regionali. In particolare, i decreti si rivolgono ai servizi delle strutture private accreditate relative ai ricoveri ospedalieri, alla specialistica ambulatoriale e alla riabilitazione.

Nello specifico, per quanto riguarda le prestazioni ospedaliere acquistate dai privati  il budget complessivo è fissato a 863 milioni e 736 mila euro. Di questi circa 268 milioni andranno al comparto delle cliniche private e poco meno di 230 milioni al settore degli ospedali classificati o religiosi. Rispetto al 2012 la riduzione operata sui budget è stata dello 0,5 %, la metà di quanto previsto dalla finanziaria nazionale dell’anno scorso. Per la specialistica il fondo 2013  è pari a 123 milioni e 700 mila euro, a cui si aggiungono i fondi per i pacchetti di prestazioni (apa) erogati da 30 strutture per un importo massimo di 18 milioni e 241 mila euro. Il fondo complessivo destinato alle 72 strutture che erogano prestazioni riabilitative ex art.26, più le 7 cliniche riconvertite, è di  211 milioni e 584 mila euro a cui si aggiungono  i 32 milioni per lungodegenza. 

Si tratta di una modalità di definizione delle risorse per singola struttura a cadenza annuale che però terminerà nel 2013. A partire dal 2014, è infatti possibile l’adozione di un nuovo modello con accordi dalla durata biennale e la fissazione del budget per singola struttura.

“Zingaretti ha bruciato i tempi, rispetto alle altre Giunte che si sono avvicendate al comando della Regione – ha commentato a Bussola Sanità Pier Luigi Bartoletti, segretario Fimmg Lazio – nel definire i provvedimenti. In questo modo sono stati definiti i costi per l’anno in corso relativi alle strutture accreditate. Inoltre, molto positivo è il fatto che si sta già lavorando ad un nuovo modello di contributi che dal 2014 fisserà il budget per ogni singola struttura”.

“Bisogna ora vedere- ha concluso Bartoletti - quanto questi costi siano congrui ai bisogni reali dei cittadini della Regione, a fronte di un sistema pubblico in sofferenza. I motivi di questa situazione sono numerosi: in primis tempi di attesa biblici, tariffe per l’intramoenia fuori mercato e un privato che diventa sempre più low cost. tuttavia, se il buongiorno si vede dal mattino, possiamo dire che siamo sulla buona strada”. 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter