Esenzione per reddito, le regole per rinnovarla

Chi usufruisce del codice E01 non deve più andare alla Asl

Chi usufruisce della esenzione per reddito con codice E01 (“soggetti di età inferiore a 6 anni e superiore a 65 anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo non superiore a 36.151,98 euro”) non deve andare alla Asl di competenza per chiederne il rinnovo.

Dal 2011, infatti, sono cambiati i modi in cui si certifica il diritto all’esenzione del ticket per motivi legati al reddito. A partire dal primo aprile di ogni anno, come ricorda una circolare della Regione Lazio, pubblicata anche sul sito della Fimmg Roma, “il codice di esenzione per reddito, viene inserito direttamente dal medico che effettua la prescrizione e solo su espressa richiesta da parte dell’assistito sia per le prescrizioni specialistiche che per le prescrizioni farmaceutiche”.

I medici, dunque, a partire dal primo aprile, possono scaricare l’elenco aggiornato dei loro assistiti che usufruiscono dell’esenzione per reddito sul Portale sanitario del Lazio. E, su richiesta del paziente, inseriranno il codice di esenzione direttamente al momento della prescrizione. Attraverso la digitazione del Codice Fiscale, inoltre, potranno verificare anche la situazione di cittadini che fanno riferimento a un altro medico o appartenenti ad altra Regione che si troveranno ad assistere.

Esistono, però, prestazioni sanitarie, dette ad “accesso diretto”, per cui non è richiesta la prescrizione medica, si tratta di:

  • Odontoiatria
  • Ostetricia e Ginecologia
  • Pediatria (solo per chi non ha potuto scegliere il pediatra di libera scelta)
  • Psichiatria
  • Oculistica, per le prestazioni optometriche;
  • Attività dei servizi di prevenzione e dei consultori.


In questi casi è l’operatore di sportello, al momento dell’accettazione, su richiesta del cittadino, a verificare la posizione nei sistemi regionali.

Per i cittadini disoccupati che richiedono l’esenzione, invece, resta la possibilità di effettuare l’autocertificazione, andando nella Asl di appartenenza. Come ricorda la circolare della Regione, infatti, “l’esenzione per reddito relativa al cittadino disoccupato (E02), non certificata dal ministero dell’Economia, deve essere autocertificata annualmente dall’assistito  presso la Asl di appartenenza, che invia tempestivamente l’autocertificazione stessa al ministero per regolarizzare la posizione dell’assistito. L’autocertificazione potrà essere richiesta anche dalle altre tipologie di assistiti esenti per reddito che hanno evidenziato errori o disallineamenti nelle attestazioni del ministero”. Dunque se un paziente ha i requisiti per usufruire dell'esenzione per reddito (codici E01, E03 ed E04), ma il suo nome non compare negli elenchi del sistema regionale, può recarsi presso gli uffici distrettuali della ASL di appartenenza per rendere un’autocertificazione.
 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti su Bussola Sanità seguici su Facebook Twitter o iscriviti alla newsletter usando il box nella colonna di destra

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter