Estate, i consigli da seguire per viaggiare con il proprio animale

Tutti i suggerimenti per chi vuole organizzare le proprie vacanze pensando anche al proprio amico a quattro zampe

Con l'inizio dell'estate, ecco che torna prepotentemente alla ribalta il tema delle vacanze in compagnia del proprio animale domestico. Per questo motivo, è bene organizzarsi per tempo, essendo sicuri di avere i documenti in regola, conoscere gli obblighi sanitari del luogo in cui andare in vacanza e i regolamenti delle compagnie aeree, marittime o ferroviarie che utilizzerete.

È inoltre importante informarsi per tempo su quali siano le strutture recettive dei luoghi di villeggiatura in cui anche gli animali possono soggiornare. Questi e altri consigli sono contenuti in una guida che il Ministero della Salute mette a disposizione gratuitamente degli utenti sul proprio sito.

 

Ecco alcuni consigli da seguire:

 

check-up sanitario: prima di andare in vacanza con un animale è sempre opportuno effettuare un check-up dal medico veterinario per assicurarsi del suo stato di salute e per verificare la regolarità dei richiami vaccinali e dei trattamenti antiparassitari. È necessario portare il libretto sanitario e il riferimento del veterinario curante, informandosi anche sulle strutture veterinarie presenti nel luogo di villeggiatura per le eventuali emergenze.

 

viaggiare in Italia: In Italia sono obbligatorie l’identificazione e l’iscrizione dei cani all'anagrafe. Il veterinario rilascia al proprietario un certificato di iscrizione, che costituisce il documento d’identità dell’animale, che lo deve accompagnare in tutti i suoi spostamenti. In alcune regioni, inoltre, è obbligatoria la profilassi antirabbica, richiesta anche da alcune compagnie aeree e marittime.

 

viaggiare nell'Unione europea:gli animali da compagnia che viaggiano al seguito del proprietario all’interno dell’Unione europea devono essere identificati con microchip e muniti del passaporto comunitario.

 

viaggiare nei Paesi al di fuori dell'Unione europea: in questo specifico caso, potrebbero essere richieste particolari condizioni sanitarie e ulteriori documenti. Si consiglia quindi di contattare per tempo l’ambasciata del Paese di destinazione.

 

viaggiare in aereo: quasi tutte le compagnie aeree consentono il trasporto di animali, anche se non esiste una regolamentazione unica per l’accesso a bordo dei nostri amici a quattro zampe. Ogni compagnia di navigazione può infatti stabilire la tipologia e le dimensioni del trasportino da portare a seguito.I cani di media o grande taglia, solitamente, viaggiano nella stiva pressurizzata in apposite gabbie rinforzate. Il trasportino deve consentire all’animale di stare in una posizione comoda, di potersi girare e accucciare, e l'animale non deve avere né guinzaglio né museruola. Questi accessori non devono inoltre essere lasciati all'interno del trasportino.

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti su Bussola Sanità seguici su Facebook Twitter o iscriviti alla newsletter usando il box nella colonna di destra

 

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter