Anoressia e bulimia, come riconoscerle nei bambini e negli adolescenti

L'Ospedale pediatrico Bambino Gesù ha pubblicato una pagina internet che spiega come identificare e trattare questi problemi

L’Ospedale pediatrico Bambino Gesù ha pubblicato una guida su come riconoscere e combattere i disturbi del comportamento alimentare. Questi problemi, come anoressia e bulimia nervose, fanno parte delle malattie di area psichiatrica e si manifestano quasi esclusivamente nelle femmine. L’incidenza delle forme più gravi si aggira tra lo 0,9 per cento e l’1,5 per cento del totale delle ragazze. Queste persone presentano un rischio di morte 5-10 volte maggiore di quelli della stessa età e sesso, a causa delle molte patologie provocate dalla malnutrizione.

Diagnosi e terapia. Presso il Bambino Gesù, l’Unità operativa che si occupa di questi problemi è quella di Neuropsichiatria infantile. Anoressia e bulimia si presentano nell’adolescenza, nella fase della crescita delle ragazze in cui si consolida la formazione dell’identità personale e si definisce il profilo dell’autostima. In alcuni casi questi problemi psichiatrici si presentano anche molto presto, intorno agli 8-9 anni. Si tratta di patologie complesse che richiedono una risposta elaborata e coordinata da parte di più medici.

“I disturbi del comportamento alimentare – si legge sul sito del Bambino Gesù – sono, tra i disturbi psichiatrici, quelli che richiedono la maggiore collaborazione possibile tra figure professionali con differenti specializzazioni (psichiatri, psicologi, nutrizionisti, specialisti in medicina interna etc.). Infatti sia l'anoressia che la bulimia sono causa di complicanze mediche gravi”.

La guida completa è disponibile sul sito del Bambino Gesù.


@gianlucacasponi

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti su Bussola Sanità seguici su Facebook Twitter o iscriviti alla newsletter usando il box nella colonna di destra

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter