Giornata mondiale del rene, le iniziative e le risorse nel Lazio

Le patologie renali sono poco conosciute e spesso diagnosticate troppo tardi. Il 12 marzo visite gratuite e consulenze per i cittadini

Iniziative, incontri e risorse messe a disposizione dei cittadini e dei pazienti colpiti da malattie dei reni. L’occasione per parlare di questo argomento viene data dalla “Giornata mondiale del rene” che si celebra il 12 marzo. In tutto il pianeta si parlerà di come prevenire il loro danneggiamento ed evitare che, nei casi più gravi, i pazienti siano costretti a ricorrere alla dialisi o al trapianto di questi organi.

Anche in Italia, e nel Lazio in particolare i cittadini avranno la possibilità di ricevere visite gratuite e informazioni su questi argomenti. Nelle province di Viterbo e di Frosinone,  per esempio, due ambulatori saranno allestiti in due piazze diverse. Medici esperti in nefrologia, inoltre, saranno in una scuola di Viterbo per incontrare gli studenti per insegnare loro come prendersi cura dei proprio reni.

Sempre a Viterbo e sempre il 12 marzo, Fondazione italiana del rene Onlus, la Società italiana di nefrologia, la Croce rossa italiana e il Centro di riferimento regionale della Asl saranno in piazza per incontrare i cittadini. Chi vorrà potrà sottoporsi a una visita generale e a un test delle urine alla ricerca di eventuali “spie” di danneggiamento dei reni. In caso di positività ai test, i medici indicheranno subito ai pazienti come proseguire il percorso diagnostico.

La malattie dei reni sono insidiose anche perché tardano a manifestare i propri sintomi con chiarezza. Spesso quindi le persone si trovano a dover fronteggiare una condizione nota come “insufficienza renale cronica”. Questo stato obbliga le persone a ridurre drasticamente la quantità di proteine nella propria dieta. Per mantenere un regime alimentare comunque valido, la Fondazione italiana del rene ha prodotto un opuscolo, che descrive le ricette di alimenti preparati con prodotto aproteici.

Nonostante l’impegno dei medici, a volte la funzione renale viene del tutto compromessa, lasciando ai pazienti solo la prospettiva dell’inizio della dialisi e dell’attesa di un trapianto. Per insegnare ai pazienti quanto più sia possibile su questo argomento, sempre la Fondazione italiana del rene ha prodotto un vademecum  informativo.


Se vuoi ricevere gli aggiornamenti su Bussola Sanità seguici su Facebook Twitter o iscriviti alla newsletter usando il box nella colonna di destra

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter