Reni e trapianti, due opuscoli per saperne di più

Sono stati redatti dalla Fondazione italiana del rene per diffondere la conoscenza su questi organi, sulla prevenzione delle patologie e sulle loro conseguenze

La Fir (Fondazione italiana del rene) ha diffuso due opuscoli in Pdf per insegnare tutto sui reni, dove si trovano, che funzione hanno, le patologie che li colpiscono e le strategie preventive. I documenti sono stati redatti da esperti della stessa Fir e del Centro nazionale trapianti e forniscono informazioni anche sui trattamenti, come dialisi e trapianto, che vengono messi in campo quando gli organi smettono di funzionare.

Informazioni generali, prevenzione e patologie. Il primo dei due opuscoli contiene una descrizione generale dell’anatomia e della fisiologia dei reni. Questi organi sono presenti in coppia nel corpo umano. Il loro ruolo, tra le altre cose, è anche quello di filtrare dal sangue, e raccogliere nell’urina, le sostanze tossiche che finiscono nel sangue con la digestione e la lavorazione delle proteine.

Possono essere danneggiati da malattie o assunzione eccessiva di alcool e sale da cucina. Il volume racconta anche di come evitare quesiti e altri fattori di rischio e di come effettuare una diagnosi precoce, fondamentale per intervenire prima possibile e fermare la degenerazione della funzionalità renale verso il blocco definitivo. Una situazione che obbligherebbe il paziente a ricorrere alla dialisi o sperare in un trapianto dell’organo.

Trapianto anche da vivente.La scienza medica permette di effettuare l’operazione di trapianto del rene anche utilizzando organi prelevati da donatore vivente. Il secondo opuscolo, che è stato redatto dagli esperti del Centro nazionale trapianti, parla proprio di questo scenario, descrivendo i limiti tecnici e le implicazioni etiche relativi e questa operazione. Il documento è indirizzato ai medici, ai pazienti e a tutto il personale che si occupa della cura dei nefropatici.

Nell’opuscolo si parla di come il trapianto di rene da donatore vivente venga eseguito in meno del 10 per cento dei casi. Il suo scopo è quindi quello di aumentare la cultura in questo campo, ricordando anche che in Italia molti centri sono regolarmente autorizzati a portare a termine questa operazione.

@gianlucacasponi

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti su Bussola Sanità seguici su Facebook Twitter o iscriviti alla newsletter usando il box nella colonna di destra

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter