Insufficienza renale cronica, la dieta aproteica

Questo regime alimentare è indicato per ridurre l'intossicazione uremica. In un opuscolo le ricette della Fondazione italiana del rene

Una raccolta di ricette di cucina aproteica per le persone colpite da insufficienza renale cronica. L’opuscolo è stato prodotto dalla Fondazione italiana del rene e contiene la descrizione della preparazione di pietanze gustose come pane, focacce, biscotti e torte. Questo regime dietetico è stato pensato per ridurre il carico di urea nel sangue che deriva dall’incapacità dei reni malati di filtrare la sostanza e raccoglierla nell’urina.

Negli ultimi anni le industrie alimentari hanno cominciato a immettere sul mercato prodotti del tutto privi di proteine, come farina, latte e loro derivati, permettendo a pazienti di nutrirsi in maniera adeguata senza aggravare la propria condizione.

Dieta ipoproteica ma equilibrata. Perché l’apporto di calorie rimanga adeguato, la dieta deve essere varia e nutriente. “Con i prodotti aproteici – si legge nell’introduzione dell’opuscolo – possono essere formulate ricette gustosissime, unendo quindi, al vantaggio della riduzione di apporto di proteine, la garanzia di un adeguato apporto di calorie. La dieta ipoproteica per gli uremici cronici deve infatti essere ipoproteica, ma ipercalorica.

Senza l’utilizzo dei prodotti aproteici, la dieta diventerebbe non sufficientemente calorica, portando il paziente uremico allo stato di denutrizione. E non c’è cosa peggiore per un paziente uremico di giungere alla dialisi o al trapianto di rene in uno stato di grave denutrizione”.

L’opuscolo può essere scaricato in formato Pdf in modo da essere consultato su Pc o tablet oppure stampato.


@gianlucacasponi

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti su Bussola Sanità seguici su Facebook Twitter o iscriviti alla newsletter usando il box nella colonna di destra

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Bussola Sanità

Seguici su

  • facebook
  • twitter

Iscriviti alla nostra

  • newsletter